PROFILO PROFESSIONALE: Formatore manageriale di sistema qualificato APAFORM

(2.1) Formatore manageriale di sistema qualificato APAFORM livello EQF 8 stimato da APAFORM

(2.2) Formatore manageriale di sistema qualificato APAFORM livello EQF 7 stimato  da APAFORM

(2.3) Formatore manageriale di sistema qualificato APAFORM livello EQF 6 stimato da APAFORM

(2.4) Formatore manageriale di sistema qualificato APAFORM livello EQF 5 stimato da APAFORM

(2.5) Formatore manageriale di sistema qualificato APAFORM livello EQF 4 stimato da APAFORM

 

(2.1) Formatore manageriale di sistema qualificato APAFORM livello EQF 8 stimato da APAFORM

FINALITÀ
Promuovere e sviluppare l’innovazione delle conoscenze, capacità e competenze manageriali richieste per progettare e governare processi di cambiamento delle organizzazioni pubbliche, private e miste (ibride) e dei sistemi di relazioni che esse stabiliscono con il proprio ambiente economico, istituzionale e sociale.   Progettare e realizzare soluzioni e processi di apprendimento interfunzionali e integrati dei ruoli organizzativi verticali e orizzontali, tenendo conto della missione, visione,  strategie di sviluppo,  vincoli e opportunità,  culture organizzative nel contesto dell’economia globale.
 
PRINCIPALI RESPONSABILITÀ-ATTIVITÀ
1.    INNOVAZIONE DI KNOW HOW
Sviluppa, promuove e diffonde l’innovazione dei modelli, metodi, tecniche e strumenti di intervento per contestualizzare i processi di coinvolgimento e di apprendimento del management al fine di migliorare le performance dell’organizzazione e le relazioni con i soggetti economici, istituzionali e sociali esterni.
2.    ANALISI DEI BISOGNI
Orienta e presidia l’efficacia del processo di analisi dei bisogni di apprendimento del management in coerenza con le dinamiche dell’ambiente economico, istituzionale e sociale esterno, le strategie, le priorità di cambiamento e i vincoli dell’organizzazione, utilizzando un mix appropriato di metodologie e strumenti quantitativi e qualitativi di raccolta, elaborazione e interpretazione di dati e informazioni per l’efficace  coinvolgimento delle persone che esercitano funzioni manageriali di vario livello.
3.    SVILUPPO PROPOSTE TECNICHE DI PROGETTO
Progetta in piena autonomia e interagendo con la committenza diretta e indiretta (enti finanziatori) proposte di obiettivi, programmi, contenuti di interventi formativi di rilevante impatto per l’organizzazione e per le sue relazioni con soggetti dell’ambiente economico, istituzionale e sociale esterno. Redige le proposte sia nelle forme e con le modalità richieste dalle organizzazioni committenti e/o dagli enti finanziatori, sia in termini analitici e di dettaglio per l’esecuzione.
4.    PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO
Realizza la progettazione di processi, programmi e specifiche soluzioni di apprendimento presidiando la coerenza e l’efficacia rispetto agli obiettivi formativi. Valorizza anche il co-design dei soggetti interni ed esterni coinvolti e assicura il miglior mix di risorse per la docenza e il coinvolgimento dei partecipanti.
5.    DELIVERY
Supervisiona la qualità dei processi di erogazione in coerenza con le logiche e le specifiche della progettazione esecutiva.
6.    VALUTAZIONE – FEEDBACK – FOLLOW UP
Progetta metodi, strumenti e tempi (in itinere, alla fine o successivamente all’intervento formativo) per valutare i risultati di apprendimento dei processi formativi e ne garantisce l’applicazione, al fine di fornire feedback e raccomandazioni/suggerimenti ai partecipanti, ai committenti diretti e/o indiretti (finanziatori). Predispone i feedback nelle forme ritenute più efficaci anche ai fini di comparazioni.
7.    MIGLIORAMENTO CONTINUO
Presidia l’aggiornamento, il miglioramento e l’innovazione di modelli, metodi,  tecniche e strumenti di intervento attraverso la valorizzazione del patrimonio di esperienze, conoscenze e competenze proprie e  dell’organizzazione. Ricerca e individua le migliori pratiche di interventi formativi, anche promuovendo progetti di comparazione (benchmarking) a livello nazionale  e internazionale.

 

(2.2) Formatore manageriale di sistema qualificato APAFORM livello EQF 7 stimato da APAFORM

FINALITÀ
Governare l’aggiornamento delle conoscenze, capacità e competenze manageriali richieste dai processi di cambiamento delle organizzazioni pubbliche, private e miste (ibride) e dei sistemi di relazioni che esse stabiliscono con il proprio ambiente economico, istituzionale e sociale.   Progettare e realizzare soluzioni e processi di apprendimento interfunzionali e integrati dei ruoli organizzativi verticali e orizzontali, tenendo conto della missione, visione,  strategie di sviluppo,  vincoli e opportunità,  culture organizzative nel contesto dell’economia globale.
 
PRINCIPALI RESPONSABILITÀ-ATTIVITÀ
1.    ANALISI DEI BISOGNI 
Imposta l’analisi dei bisogni di apprendimento del management in coerenza con le dinamiche dell’ambiente economico, istituzionale e sociale esterno, le strategie, le priorità di cambiamento e i vincoli dell’organizzazione, utilizzando un mix appropriato di metodologie e strumenti quantitativi e qualitativi e di strumenti di analisi, raccolta, elaborazione e interpretazione di dati e informazioni per l’efficace coinvolgimento delle persone che esercitano funzioni manageriali di vario livello.
2.    SVILUPPO PROPOSTE TECNICHE DI PROGETTO
Redige in piena autonomia e interagendo con la committenza diretta e indiretta (enti finanziatori) proposte di obiettivi, programmi, contenuti di interventi formativi di rilevante impatto per l’organizzazione e per le sue relazioni con soggetti dell’ambiente economico, istituzionale e sociale esterno. Redige le proposte sia nelle forme e con le modalità richieste dalle organizzazioni committenti e/o dagli enti finanziatori, sia in termini analitici e di dettaglio per l’esecuzione.
3.    PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO
Realizza la progettazione di processi, programmi e specifiche soluzioni di apprendimento presidiando la coerenza e l’efficacia rispetto agli obiettivi formativi. Valorizza anche il co-design dei soggetti interni ed esterni coinvolti e assicura il miglior mix di risorse per la docenza e il coinvolgimento dei partecipanti.
4.    DELIVERY
Definisce le condizioni di qualità dei processi di erogazione in coerenza con le logiche e le specifiche della progettazione esecutiva.
5.    VALUTAZIONE – FEEDBACK – FOLLOW UP
Garantisce l’applicazione di metodi, strumenti e tempi (in itinere, alla fine o successivamente all’intervento formativo) per valutare i risultati di apprendimento dei processi formativi, al fine di fornire feedback e raccomandazioni/suggerimenti ai partecipanti, ai committenti diretti e/o indiretti (finanziatori). Predispone i feedback nelle forme ritenute più efficaci anche ai fini di comparazioni.
6.    MIGLIORAMENTO CONTINUO
Realizza l’aggiornamento,  il miglioramento e l’innovazione di modelli, metodi, tecniche e strumenti di intervento attraverso la valorizzazione del patrimonio di esperienze, conoscenze e competenze proprie e dell’organizzazione. Ricerca e individua le migliori pratiche di interventi formativi, anche promuovendo progetti di comparazione (benchmarking) a livello nazionale e internazionale.

 

(2.3) Formatore manageriale di sistema qualificato APAFORM livello EQF 6 stimato da APAFORM

FINALITÀ
Garantire  l’adeguamento delle conoscenze, capacità e competenze manageriali richieste dai processi di cambiamento delle organizzazioni pubbliche, private e miste (ibride) e dei sistemi di relazioni che esse stabiliscono con il proprio ambiente economico, istituzionale e sociale.  Progettare e realizzare soluzioni e processi di apprendimento interfunzionali e integrati dei ruoli organizzativi verticali e orizzontali, tenendo conto della missione, visione,  strategie di sviluppo,  vincoli e opportunità,  culture organizzative nel contesto dell’economia globale.
 
PRINCIPALI RESPONSABILITÀ-ATTIVITÀ
1.    ANALISI DEI BISOGNI
Contribuisce all’analisi dei bisogni di apprendimento del management in coerenza con le dinamiche dell’ambiente economico, istituzionale e sociale esterno, le strategie, le priorità di cambiamento e i vincoli dell’organizzazione, utilizzando un mix appropriato di metodologie e strumenti quantitativi e qualitativi e di strumenti di analisi, raccolta, elaborazione e interpretazione di dati e informazioni per l’efficace coinvolgimento delle persone che esercitano funzioni manageriali di vario livello.
2.    SVILUPPO PROPOSTE TECNICHE DI PROGETTO
Predispone, interagendo con la committenza diretta e indiretta (enti finanziatori), proposte di obiettivi, programmi, contenuti di interventi formativi di rilevante impatto per l’organizzazione e per le sue relazioni con soggetti dell’ambiente economico, istituzionale e sociale esterno. Predispone le proposte in termini analitici e di dettaglio per l’esecuzione.
3.    PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO
Contribuisce alla progettazione di processi, programmi e specifiche soluzioni di apprendimento presidiando la coerenza e l’efficacia rispetto agli obiettivi formativi. Assicura il miglior mix di risorse per la docenza e il coinvolgimento dei partecipanti.
4.    DELIVERY
Assicura le condizioni di qualità dei processi di erogazione in coerenza con le logiche e le specifiche della progettazione esecutiva.
5.    VALUTAZIONE – FEED BACK – FOLLOW UP
Provvede all’applicazione, nei tempi concordati con la committenza, di metodi e strumenti per valutare i risultati di apprendimento dei processi formativi, al fine di fornire feedback e raccomandazioni/suggerimenti ai partecipanti, ai committenti diretti e/o indiretti (finanziatori). Predispone i feedback nelle forme ritenute più efficaci anche ai fini di comparazioni.
6.    MIGLIORAMENTO CONTINUO
Contribuisce all’aggiornamento e miglioramento di modelli, metodi, tecniche e strumenti di intervento attraverso la valorizzazione del patrimonio di esperienze, conoscenze e competenze proprie e dell’organizzazione.

(2.4) Formatore manageriale di sistema qualificato APAFORM livello EQF 5 stimato da APAFORM

FINALITÀ
Individuare le conoscenze, abilità e competenze  manageriali richieste dai processi di cambiamento delle organizzazioni pubbliche, private e miste (ibride) di piccole e medie dimensioni e/o che operano prevalentemente a livello locale e dei sistemi di relazioni che esse stabiliscono con il proprio ambiente economico, istituzionale e sociale.  Realizzare soluzioni e processi di apprendimento interfunzionali, tenendo conto della missione, visione,  strategie di sviluppo,  vincoli e opportunità,  culture organizzative.
 
PRINCIPALI RESPONSABILITÀ-ATTIVITÀ
1.    ANALISI DEI BISOGNI
Realizza l’analisi dei bisogni di apprendimento del management di organizzazioni di piccole e medie dimensioni e/o che operano prevalentemente a livello locale, in coerenza con le dinamiche dell’ambiente economico, istituzionale e sociale esterno, le strategie, le priorità di cambiamento e i vincoli dell’organizzazione, utilizzando un mix appropriato di metodologie e strumenti quantitativi e qualitativi di raccolta, elaborazione e interpretazione di dati e informazioni per l’efficace coinvolgimento delle persone che esercitano funzioni manageriali di vario livello.
2.    SVILUPPO PROPOSTE TECNICHE DI PROGETTO
Predispone, interagendo con la committenza diretta e indiretta (enti finanziatori) proposte di obiettivi, programmi, contenuti di interventi formativi di rilevante impatto per una organizzazione di piccole e medie dimensioni e/o che opera a livello prevalentemente locale e le sue relazioni con soggetti dell’ambiente economico, istituzionale e sociale esterno. Predispone le proposte in termini analitici e di dettaglio per l’esecuzione. 
3.    PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO
Contribuisce alla progettazione di processi, programmi e specifiche soluzioni di apprendimento presidiando la coerenza e l’efficacia rispetto agli obiettivi formativi. Assicura il miglior mix di risorse per la docenza e il coinvolgimento dei partecipanti.
4.    DELIVERY
Assicura le condizioni di qualità dei processi di erogazione in coerenza con le logiche e le specifiche della progettazione esecutiva.
5.    VALUTAZIONE – FEED BACK – FOLLOW UP
Provvede all’applicazione, nei tempi concordati con la committenza, di metodi e strumenti per valutare i risultati di apprendimento dei processi formativi, al fine di fornire feedback e raccomandazioni/suggerimenti ai partecipanti, ai committenti diretti e/o indiretti (finanziatori). Predispone i feedback nelle forme ritenute più efficaci anche ai fini di comparazioni. 
6.    MIGLIORAMENTO CONTINUO
Contribuisce all’aggiornamento e miglioramento di modelli, metodi, tecniche e strumenti di intervento attraverso la valorizzazione del patrimonio di esperienze, conoscenze e competenze proprie e dell’organizzazione.
FINALITÀ
Individuare le conoscenze, abilità e competenze  manageriali richieste dai processi di cambiamento delle organizzazioni pubbliche, private e miste (ibride) di piccole e medie dimensioni e/o che operano prevalentemente a livello locale e dei sistemi di relazioni che esse stabiliscono con il proprio ambiente economico, istituzionale e sociale.  
 
PRINCIPALI RESPONSABILITÀ-ATTIVITÀ
1.    ANALISI DEI BISOGNI
Realizza l’analisi dei bisogni di apprendimento del management di organizzazioni di piccole e medie dimensioni e/o che operano prevalentemente a livello locale, in coerenza con le dinamiche dell’ambiente economico, istituzionale e sociale esterno, le strategie, le priorità di cambiamento e i vincoli dell’organizzazione. A tal fine utilizza metodi, tecniche e strumenti consolidati per la raccolta, elaborazione e interpretazione di dati e informazioni. 
2.    SVILUPPO PROPOSTE TECNICHE DI PROGETTO
Predispone, interagendo con la committenza diretta e indiretta (enti finanziatori) proposte di obiettivi, programmi, contenuti di interventi formativi per una organizzazione di piccole e medie dimensioni e/o che opera a livello prevalentemente locale e le sue relazioni con soggetti dell’ambiente economico, istituzionale e sociale esterno. Predispone le proposte in termini analitici e di dettaglio per l’esecuzione. 
3.    PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO
Contribuisce alla progettazione di processi, programmi e specifiche soluzioni di apprendimento presidiando la coerenza e l’efficacia rispetto agli obiettivi formativi. Assicura il miglior mix di risorse per la docenza e il coinvolgimento dei partecipanti.
4.    DELIVERY
Assicura le condizioni di qualità dei processi di erogazione in coerenza con le logiche e le specifiche della progettazione esecutiva.
5.    VALUTAZIONE – FEED BACK – FOLLOW UP
Provvede all’applicazione, nei tempi concordati con la committenza, di metodi e strumenti per valutare i risultati di apprendimento dei processi formativi, al fine di fornire feedback e raccomandazioni/suggerimenti ai partecipanti, ai committenti diretti e/o indiretti (finanziatori). Predispone i feedback nelle forme ritenute più efficaci anche ai fini di comparazioni. 
6.    MIGLIORAMENTO CONTINUO
Contribuisce all’aggiornamento e miglioramento di modelli, metodi, tecniche e strumenti di intervento attraverso la valorizzazione del patrimonio di esperienze, conoscenze e competenze dei docenti e dell’organizzazione.

>> Presentazione candidatura: costo e avvio procedura di valutazione